Matteo Bergamaschi

Matteo Bergamaschi

Docente invitato di Pastorale e Comunicazione

 

Laico, ha conseguito la Laurea magistrale in Filosofia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Docente invitato presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale – Sezione parallela di Torino e presso l’Università Pontificia Salesiana, sezione di Torino.

Contatti

Indirizzo: Via Colle del Vento, 58 – 10094 Giaveno (TO)
E-mail: matteobergam@gmail.com

Pubblicazioni

Volumi
1. M. Bergamaschi – C. Pallard, Dire io. Sulla questione identitaria nel mondo postmoderno, Aracne, Roma 2012;
2. M. Bergamaschi – I. Menso, Benedire. I poeti, Aracne, Roma 2012;
3. M. Bergamaschi – D. Navarria, Il segno intrattabile. Antropologia del simbolo e del consumo a partire da Silvano Petrosino, Nuova Editrice Berti, Piacenza 2014.

Articoli e contributi
1. «Il dramma e l’irrappresentabile. Intervista a S. Petrosino», in AA.VV., L’uomo e la rappresentazione. Fondazioni antropologiche della rappresentazione mediale e dal vivo, Vita e Pensiero, Milano 2012, pp. 183-187;
2. «Essere rinoceronti o l’identità abissale», Comunicazioni Sociali, 2012 (3), pp. 481-489;
3. «Il fine sottratto: sull’ontologia drammatica di H.U. von Balthasar», Comunicazioni Sociali, 2013 (1), pp. 146-157;
4. «Adaequatio flessibile: esperienza estetica e ripensamenti della ragione. A partire da Giovanni Bottiroli e Silvano Petrosino», Estetica. Studi e Ricerche, 2013 (2), pp. 243-256;
5. «Il soggetto in scena: sulla performatività dopo la metafisica a partire da Derrida, Artaud e Lacan», Comunicazioni Sociali, 2014 (1), pp. 67-78;
6. F. Barocco – M. Bergamaschi – A. Boschet – C. Veardo, Bibliografia in italiano, francese, inglese e tedesco sull’argomento «Il male tra filosofia e teologa», in S. Petrosino – S. Ubbiali (a cura di), Il male. Un dialogo tra teologia e filosofia, Glossa, Milano 2014, pp. 257-300.